I Rettangoli

TradingRangeI rettangoli sono una delle figure di analisi tencnica più potenti in assoluto. Essi costituiscono delle pause di mercato. Il concetto potrebbe essere più chiaro se pensiamo ai movimenti del mercato come delle salite e delle discese con tanti scalini sui quali si può sostare; i rettangoli, appunto, sono come degli scalini, delle fasi di mercato che interrompono la forza e la debolezza dei mercati.

Banner

Ultime dal Forum

Anyoption
Gestione del denaro. Prego, da questa parte
Venerdì 04 Novembre 2011
tradinginterceptorGestione del denaro non è una bella parola alla moda? Molti broker forex giocano intorno a queste semplici 3 paroline. L’avrete sicuramente sentita molte volte, anche in inglese “money management”, suona bene no? Come si può trasformare questa parola d’ordine dalla teoria alla pratica? Eccovi dei consigli.

ActivTrades Tour


Così come per gli altri tipi di investimento, il rischio c’è. L’idea è di controllare i rischi ed esserne consapevoli. Questo vi permetterà di controllare il vostro conto in modo migliore.

  1. Limitare il rischio: quando decidete di iniziare il trading, imponetevi un limite di blocco per le perdite per uscire dal trade e prevenire situazioni dove potreste perdere troppo. Il classico “Stop Loss order”. Questo è ovvio per la maggior parte dei trader, ma molti non ne fanno ancora ricorso. Questa azione precaria è fatta anche da persone che lavorano in aziende di brokeraggio forex e fanno trading con i loro account. Triste ma vero.
  2. Quanti soldi si rischiano: molti trader calcolano il rapporto rischio/ricompensa. Alcuni cercano un rapporto 2 a 1 o 3 a 1. Bene, ma quanti dollari sono rischiati realmente? Questi dati sono disponibili per la maggior parte dei broker. La somma è troppo elevata? In questo caso ci sono due opzioni matematiche per ridurre la quantità di denaro rischiata.
  3. Stringere il limite dello Stop Loss: in questo modo rischiate meno soldi. Suona bene? Non esattamente. Forse il vostro nuovo Stop Loss è troppo stretto e produrrà una perdita immediata in quella posizione. Abbassare la quantità di denaro rischiato non significa aumentare la probabilità di perdita. Il punto di Stop Loss dovrebbe basarsi su una vostra analisi, tecnica, fondamentale o una combinazione delle due. Non dovrebbe essere basata sulla quantità di denaro rischiato.
  4. Ridurre la dimensione della posizione: con una dimensione più piccola, potrete arrivare comunque al vostro punto ideale di Stop Loss, ma il denaro rischiato sarà minore. Anche il guadagno sarà minore però. Ecco perché si è tentati da posizioni commerciali di più grandi dimensioni. Ricordate, però, questo non è il vero denaro che detenete. Riducendo la dimensione della posizione potrete ancora fare trading con la vostra piena posizione e rischiare meno contanti.
  5. Quanta parte del tuo conto stai rischiando? Detto in mezzi termini, qual è la tua velocità di “farlo fuori” del tutto? Poniamo l’esempio di un conto di 1000 dollari con un rischio del 20%. Per un trading andato male perdete 200 dollari. Per tenere fede al vostro metodo, continuate così ma perdete altri 200 dollari. In 5 trades siete fuori, liquidati. Se siete nuovi al trading forex, si rischia di fare più errori e perdere all’inizio. Rischiare una grossa porzione del vostro conto significa che è possibile bruciare tutto in fretta prima di aver imparato, migliorato e vinto.

Regola d’oro: non rischiate più del 2% del vostro account. Ma prendete “tutto con le pinze”, poiché le situazioni che si fronteggiano sono molteplici. Per chi inizia però, potrebbe essere il modo che vi aiuterà a sopravvivere, imparare e infine avere la possibilità di avere profitti sostenibili nel trading forex.

Per la pratica è possibile usare un conto demo ma non è così stimolante come può esserlo uno reale, per non parlare di mancanza di stress emotivo cui si è esposti quando si fa trading vero e cui non si è mai abbastanza preparati. Avere più opportunità di trading possibile, aiuta al meglio il vostro trade.